Passa ai contenuti principali

Post

In primo piano

La tecnologia e io

  Qualche volta capita che non mi funzioni qualcosa sul computer e io chieda aiuto ad A. In genere non sono cose terribili o difficilissime, si tratta più che altro di siti che si rifiutano di fare quello che dico io o cose simili.   Lui mi chiede di allontanarmi mentre risolve il problema perché sostiene che, restando lì accanto, mando segnali negativi al pc. Io ho più volte protestato di fronte a questa affermazione, trovandola del tutto falsa e ridicola. Solo che si è spesso rivelata vera. Ma ho sempre pensato che si trattasse di un problema di A. più che di uno del computer: era lui che si infastidiva con me vicina e non riusciva a concentrarsi. Poi, però, una mia amica con la quale scrivo ha avuto difficoltà con il suo computer. Ogni volta che ci vedevamo, il suo pc si bloccava. “È vecchio, lo devo cambiare” ripeteva. Poi, però, un giorno ha ammesso: “Fino a qualche minuto fa, quando ero a casa mia, funzionava.” Da quel momento in poi ho iniziato a notare che, nei suoi racco

Ultimi post

Leggere a pezzi - Novembre

La stanza

Partenza e pianto - pianto e partenza

Che bello essere sensibili. O forse no.

Le bugie sono difficili da imparare

Il televisore e mia madre

I francesi e mia madre

La fine dell'estate

La memoria

Il senso pratico (e la sua assenza)