Passa ai contenuti principali

Post

In primo piano

Neve di polline

  A volte penso di essere immune alla primavera, ma mi sbaglio sempre. Ho scritto questa riga (e anche questa descrizione di me che la scrivo) con una penna rosa sulla pagina di una pubblicità in una rivista che porto ad arrampicata per leggerla nelle pause. La cosa più bella di arrampicata, per me, è fare le pause. E quando torno a casa. Tutti i momenti migliori degli sport sono quando sono finiti. (Arrivava fino a qui il pezzo che avevo scritto ad arrampicata, descrivendo me stessa che prendeva appunti sulla rivista, ad arrampicata. È strano riflettere sui tempi diversi della scrittura, su degli “adesso” che non sono veramente adesso, e che sono un tempo ancora diverso per chi legge. Fa venire lo strano giramento di testa dei film con i paradossi temporali.) Il momento migliore di quando vado a correre è riprendere la bici per tornare a casa. Quando con A. facciamo passeggiate molto lunghe in montagna, il momento migliore è quando scorgo il paese. Oppure quando, un po’ di minut

Ultimi post

I vestiti e la primavera

Le fasi del panico

Stare nel passato

I consigli degli sconosciuti

Sul balcone

Stare dentro a un seguito

Autostrade di niente

La rabbia

Abilità perdute

Case che si espandono e che si rimpiccioliscono